domenica 16 gennaio 2011


  • ·         Per accedere al portale puoi anche registrarti direttamente dal tuo account Facebook, Yahoo o Google?

  • ·         Oltre alle foto, puoi anche caricare video relativi alla tua attività? (socia professional e National)
  • ·         Puoi offrire i tuoi prodotti o servizi in convenzione? Contattaci subito! (socia professional e National)
  • ·         Puoi godere di tutte le convenzioni in atto?
  • ·         Ogni socia puo’ usufruire di 2 consulenze start up GRATUITE?

  • ·         Puoi offrire consulenza direttamente dal sito? (socia National)
  • ·         Puoi offrire lavoro e trovare valide collaborazioni?
  • ·         Puoi cambiare l’aspetto della tua pagina e inserire tutte le apps che vuoi?
  • ·         Puoi organizzare chat meeting per promuovere la tua attività o prodotti? (socia professional e National)
  • ·         E’ in preparazione il calendario degli eventi 2011?
  • ·         Puoi sponsorizzare notizie dal mondo? (Vedi news sponsorizzate sul sito)



Ci piacerebbe conoscerti meglio e vederti più attiva sul ns. portale. Ricorda che la tua pagina è un minisito, è una tua presentazione, è ciò che tu vuoi che sia; puoi farti conoscere direttamente dalla tua pagina al mondo.

Se tu lo vuoi, i tuoi aggiornamenti sono visibili su Facebook e su twitter (oltre che per tutte le tue amicizie all'interno del network) direttamente dalla tua pagina SOLO con un click.

Ti ricordiamo inoltre,  che è in preparazione il  calendario degli eventi per l'anno 2011.
Ti invitiamo a farci pervenire le  proposte per eventi, corsi, laboratori, conferenze, incontri, seminari...Le proposte più interessanti verranno inserite nel calendario dell'associazione.
Infine, lasciateci esprimere la nostra gratitudine, la vostra costante presenza è la nostra linfa! Il nostro network e la nostra associazione esistono grazie alla vostra partecipazione.

BUONA DOMENICA IMPRENDITRICI!!!

Sviluppo Donne Imprenditrici 

AGGIORNA IL TUO PROFILO! http://donneimprenditrici.it



Vai su: LA MIA PAGINA
In alto a destra, sotto al tuo nome trovi: IMPOSTAZIONI (cliccaci sopra)
Viene fuori : LE MIE IMPOSTAZIONI

1.       PROFILO
Rispondi alle domande che trovi, ci aiuteranno a conoscerti meglio, a capire di cosa hai bisogno e cosa vuoi offrire.
Aggiorna la possibilità di aggiungere foto e video e inviare contenuti a twitter dal tuo cellulare (direttamente dalla tua pagina)

2.    PRIVACY
IMPORTANTE: Assicurati che l’ impostazione della tua pagina sia pubblica. 

3.       E MAIL DI NOTIFICA
Gestisci le notifiche mail che vuoi ricevere.

4.       LA MIA PAGINA
Gestisci l’aspetto e le impostazioni della tua pagina. Puoi anche decidere di promuoverti con il nome del tuo negozio o attività anziché il tuo personale.

5.       CONNESSIONI
Gestisci l’accesso al portale direttamente da Facebook, Google o Yahoo e la possibilità di inviare i tuoi aggiornamenti direttamente come post a Facebook o a Twitter.

venerdì 14 gennaio 2011

LA PUGLIA PRESENTA IL NUOVO PIANO PER IL LAVORO

LA PUGLIA PRESENTA IL NUOVO PIANO PER IL LAVORO

Quattro assessorati per un totale di 340 milioni di euro e 43 interventi rivolti a 52 mila destinatari (giovani, donne, disabili, cassintegrati, immigrati, disoccupati, ecc...). Due obiettivi: nuove opportunità lavorative e salvaguardia dell'occupazione
pianificazione
BARI - Trecentoquaranta milioni di risorse, divise in sei linee di intervento, ripartite a loro volta in 43 interventi rivolti ad oltre 52 mila destinatari. Sono questi i numeri del più grande piano progettato da una Regione italiana per risollevare l'occupazione. E per farlo occorreva mettere insieme non solo le politiche del lavoro, ma anche quelle del welfare, quelle dello sviluppo economico, le politiche giovanili e quelle del diritto allo studio e alla formazione. Il governo regionale ha voluto fornire così una risposta immediata ad una situazione sempre più difficile e insostenibile che colpisce con particolare durezza i giovani e le donne. Infatti, mentre crescono in Puglia le esportazioni e il numero delle imprese, non appaiono altrettanto positivi i dati sull'occupazione. Nel terzo trimestre del 2010 il tasso di disoccupazione regionale, secondo la rilevazione Istat, è del 12,2%, sale al 14% per le donne. Ancora più gravi i recenti dati forniti dall'Istat per la disoccupazione giovanile in Italia salita a novembre al 28,9%, il dato più elevato dal 2004.
Il Piano straordinario per il lavoro in Puglia si muove secondo due obiettivi: nuova occupazione e salvaguardia dell'occupazione. Nel primo caso si propone di innalzare i livelli occupazionali di quella parte di forza lavoro che presenta prospettive di occupazione più basse come i giovani, le donne e i soggetti espulsi o a rischio di espulsione dai processi produttivi, nel secondo di valorizzare il capitale umano inteso come strumento per migliorare la competitività delle imprese.

lunedì 10 gennaio 2011

HO UNA PROPOSTA CHE DESIDERO CONDIVIDERE CON VOI

CARISSIME AMICHE: 


HO UNA PROPOSTA CHE DESIDERO CONDIVIDERE CON VOI

Carissime amiche di Sviluppo Donne Imprenditrici, ho una proposta che desidero condividere con voi: Vogliamo che il gruppo Donne Imprenditrici sia davvero un gruppo a sostegno dello sviluppo di attività economica sociale per chi fa impresa, per chi vuole iniziare una nuova attività, per la professionista o colei che della sua passione vuole tentare di avere nuove entrate per supportare le sempre più diverse crisi economiche micro e macro?
Avete mai sentito parlare di B2B , Business Networking, Associazione di Promozione Sociale d’ Impresa, Microcredito, Fundraising, FSE?
Allora vi chiedo cinque minuti per approfondire insieme:
Qui di seguito alcune precisazioni su alcune terminologie inglesi che è sempre bene rinfrescare..
Business Networking è il processo di stabilire un rapporto reciprocamente vantaggiose con altri Donne di Impresa ( consideriamo già il termine Impresa come Donna perché ogni Donna è Impresa di se stessa)i e / o clienti. La chiave per il business networking vero è l'instaurazione di un rapporto di mutuale beneficio, e questo è un evento estremamente raro a nell’ambito delle relazioni d’affari dove ci si limita sol a scambiarsi i bigliettini da visita senza costruire vere opportunità e che sono spacciata come business networking . Lo scopo della creazione di un Business Network è quello di aumentare le entrate do ogni Donna che esercita in proprio un’attività – in un modo o nell'altro,costruendo e realizzando lo sviluppo di una relazione con un nuovo cliente, o di sviluppare nel corso del tempo, come ad imparare una nuova abilità commerciali. I migliori gruppi di business networking operare attraverso lo scambio di informazioni aziendali, idee e sostegno. L'abilità più importante per Business Network è l’ ascolto, ossia concentrandosi su come si può aiutare la persona che si stanno ascoltando, è il primo passo per stabilire un rapporto di mutuale beneficio.
Ed il B2B? Il Business to Business (letteralmente "azienda-verso-azienda"), spesso indicato con l'acronimo B2B, è un termine comunemente utilizzato per descrivere le transazioni commerciali elettroniche tra imprese, in opposizione a quelle che intercorrono tra le imprese ed altri gruppi, come quelle tra una ditta e i consumatori/clienti individuali (B2C, dall'inglese Business to Customer o Business to Consumer, lett. "azienda-verso-cliente o consumatore") oppure quelle tra una compagnia e il governo (B2G, dall'inglese Business to Government, lett. "azienda-verso-governo). Si tratta di un termine nato e quasi esclusivamente utilizzato nel commercio elettronico o e-commerce, che di solito prende la forma di processi automatizzati tra partner commerciali, e che può anche riferirsi a tutte le transazioni effettuate in una catena di valore industriale, prima che il prodotto finito venga venduto al consumatore finale. Più specificamente, Business-to-Business o B2B indica le relazioni che un'impresa detiene con clienti professionali, cioè altre imprese, collocate in punti diversi della filiera produttiva.
Le imprese, in particolare le piccole e micro imprese, artigiani , autonomi e professionisti, costituiscono da sempre il più importante patrimonio del Paese in termini di competenze, creazione di ricchezza e di lavoro, sviluppo. Le piccole imprese sono chiamate ad operare affinché lo sviluppo economico sia collegato alla crescita sociale, alla qualità della vita e del territorio, al benessere diffuso e delle comunità locali.
Queste imprese e soprattutto quelle “al femminile” sul territorio costituiscono fin dalle origini un riferimento fondamentale per coniugare etica e lavoro, economia e crescita sociale, benessere e produzione di ricchezza. Questi valori rappresentano l’agire di impresa e vanno promossi attraverso una azione culturale, informativa, progettuale in grado di coinvolgere le imprese in iniziative ed interventi volti a promuovere la capacità inclusiva e l’attenzione sociale delle imprese. A tal fine si costituiscono le Associazioni di promozione sociale d’ Impresa.
Associazioni di Promozione Sociale d’Impresa
L’associazione di promozione sociale di impresa costituisce lo strumento organizzato, flessibile ed autofinanziato per la promozione delle iniziative senza fini di lucro nel vasto campo del sociale e dell’integrazione (occupabilità, invecchiamento attivo, inclusione sociale ed ambito socio educativo e culturale, animazione territoriale etc..) ed intende diventare uno strumento di rafforzamento della rete territoriale associativa e delle azioni ed iniziative sul territorio destinate a sostenere la promozione sociale.
In attuazione degli att. in attuazione degli articoli 2, 3, secondo della Costituzione e del Legge 7 dicembre 2000, n. 383:
1. Sono considerate associazioni di promozione sociale le associazioni riconosciute e non riconosciute, i movimenti, i gruppi e i loro coordinamenti o federazioni costituiti al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o di terzi, senza finalità di lucro e nel pieno rispetto della libertà e dignità degli associati.
2. Non sono considerate associazioni di promozione sociale, ai fini e per gli effetti della presente legge, i partiti politici, le organizzazioni sindacali, le associazioni dei datori di lavoro, le associazioni professionali e di categoria e tutte le associazioni che hanno come finalità la tutela esclusiva di interessi economici degli associati.
3. Non costituiscono altresì associazioni di promozione sociale i circoli privati e le associazioni comunque denominate che dispongono limitazioni con riferimento alle condizioni economiche e discriminazioni di qualsiasi natura in relazione all’ammissione degli associati o prevedono il diritto di trasferimento, a qualsiasi titolo, della quota associativa o che, infine, collegano, in qualsiasi forma, la partecipazione sociale alla titolarità di azioni o quote di natura patrimoniale.
La forma giuridica prevede l’accesso anche ad agevolazioni fiscali ed a forme di sostegno proprie delle Onlus per le attività corrispondenti.
Le associazioni di promozione sociale traggono le risorse economiche per il loro funzionamento e per lo svolgimento delle loro attività da:
1. quote e contributi degli associati;
2. eredità, donazioni e legati;
3. contributi dello Stato, delle regioni, di enti locali, di enti o di istituzioni pubblici, anche
4. finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell’ambito dei fini statutari;
5. contributi dell’Unione europea e di organismi internazionali;
6. entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;
7. proventi delle cessioni di beni e servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale, artigianale o agricola, svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
8. erogazioni liberali degli associati e dei terzi;
9. entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali feste e sottoscrizioni anche a premi;
10. altre entrate compatibili con le finalità sociali dell’associazionismo di promozione sociale.
Per "fundraising" si può intendere l'insieme delle teorie e delle tecniche necessarie a garantire la sostenibilità di una causa sociale e dell'organizzazione che la persegue e di promuoverne lo sviluppo costante nel tempo verso una molteplicità di interlocutori pubblici e privati.

Sono varie le modalità con cui è possibile fare fund raising. Il direct marketing è una di queste e consiste nell'invio di lettere presso un elenco di donatori o potenziali tali. Tuttavia il fund raising, per sua natura, non si fonda solo sulle donazioni ma anche su un complesso di modalità di raccolta da utilizzare nei confronti di ogni possibile mercato del fund raising pubblico e privato (eventi, sponsorizzazioni, investimenti sociali, attività di tipo commerciale, presentazione di progetti a bandi di concorso, ecc.).
Il microcredito è uno strumento di sviluppo economico che permette l'accesso ai servizi finanziari alle persone in condizioni di povertà ed emarginazione. I programmi di microcredito propongono soluzioni alternative per queste microimprese e in un certo senso sono paragonabili ai prestiti d'onore.
Negli ultimi anni, inoltre, vi è stata una maggior diffusione del microcredito (con gli adattamenti opportuni) anche nelle economie avanzate a sostegno dei cosiddetti "nuovi poveri", cioè non solo coloro che nei paesi sviluppati vivono sulla soglia della sussistenza o al di sotto di essa e che possono trovarsi in gravi difficoltà di fronte a spese improvvise anche di piccola entità; ma soprattutto per la piccola impresa e gli artigiani che dai canali tradizionali non possono accedere e si devono rivolgere quindi al social lending o prestiti peer-to-peer. Questa area del microcredito può essere definita come sostegno al fabbisogno finanziario indistinto (oltre il 70% delle attività e dei programmi promossi).

I Fondi Europei
In ambito transnazionale ci sono fondi europei a sostegno del sociale: il Programma Equal II (o Equal II fase) prevede la promozione di nuovi mezzi di lotta contro le forme di discriminazione e di disparità connesse al mercato del lavoro.
Le principali direttrici di intervento sono 3: l’integrazione stabile tra le politiche del lavoro e le politiche sociali, lo sviluppo di una società della conoscenza non discriminatoria, lo sviluppo locale, sociale ed occupazionale.
Nell’ambito dell’Asse Imprenditorialità (tema D), Equal II si propone di innovare e rafforzare l’economia sociale riconoscendo in essa un ambito in cui promuovere congiuntamente sviluppo sociale, economico ed occupazionale.
LA MIA IDEA? DONNE IMPENDITRICI COME ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI IMPRESA!
Perche?
Per promuove e gestire progetti innovativi di sviluppo locale e di sviluppo delle risorse umane in una dimensione nazionale europea, avvalendosi del Network di Donne Imprenditrici coinvolgendo direttamente tutte le professioniste e membri attivi di Donne Imprenditrici con competenze i nella gestione, monitoraggio, rendicontazione di progetti complessi finanziati con fondi comunitari; a queste competenze trasversali si aggiungono poi competenze specifiche settoriali (sviluppo locale, sociale e pari opportunità) per tutte coloro che vogliono sviluppare il proprio business, promuove periodicamente eventi nei settori più svariati che daranno la possibilità alle imprese locali di incontrare potenziali partner ,migliorare le loro attività imprenditoriali, per coloro che vogliono mettersi in proprio.
Il gruppo Donne Imprenditrici ha tutto ciò che serve perché ognuna di noi può mettere a disposizione la propria professionalità in un ottica di promozione e sviluppo economico sociale di reciproco interesse.
Tutte le Donne sono Impresa e come tale possiedono le capacità e possibilità di creare sostegno e sviluppo.
Allora che ne pensate? Vogliamo provarci?
info@donneimprenditrici.it

mercoledì 5 gennaio 2011

DONNE, SEMPLICEMENTE DONNE!

Le donne hanno naturalmente una propensione al multitasking: la maggior parte gestisce famiglia, lavoro e casa in un’altalena continua di impegni che mischiano pannolini a relazioni e incontri professionali.

Riescono a ricordarsi della festa all’asilo del figlio e – contemporaneamente – a gestire il proprio lavoro, sia dipendende o autonomo, senza dimenticare di passare al supermercato a fare la spesa per la cena.

Queste doti, innate in chi da sempre è abituata a conciliare molte cose, sembrano essere un vantaggio anche quando si pensa alla possibilità di diventare delle imprenditrici. Non sempre però la situazione sociale e culturale è propizia e non tutte hanno il coraggio di fare il salto necessario per mettersi in gioco in modo così totale.

lunedì 3 gennaio 2011